Database en el CAMeC – Centro di Arte Moderna e Contemporanea de La Spezia. 11 Julio 2014 -31 Enero 2015.

6d8e984a-bcd5-483e-a21f-ddc4349831e6.webp

 

9b623329-cb51-43c8-8bfa-c5b176eb2970 c5a87baf-6d2e-4803-b897-094765f046ae

Project Room
CAMeC ospita DATABASE, Carrara
a cura di Francesca Cattoi e Federica Forti con Eleonora Acerbi e la collaborazione di Silvia Benvenuti

11 luglio 2014 – 31 gennaio 2015

In occasione di un più ampio ciclo espositivo dedicato alla scultura, il CAMeC – Centro di Arte Moderna e Contemporanea de La Spezia ospiterà nella Project Room alcune delle opere della collezione DATABASE. Da venerdì 11 luglio 2014 a mercoledì 14 gennaio 2015 sarà possibile visitare un importante nucleo di lavori prodotti all’interno delle residenze d’artista realizzate a Carrara dal 2012 ad oggi. Il percorso espositivo ‘Project Room – CAMeC ospita DATABASE, Carrara’ è a cura di Francesca Cattoi e Federica Forti, con Eleonora Acerbi e la collaborazione di Silvia Benvenuti.

0f3d92a2-d017-4ef7-8e6f-4b335738a422

Le sculture di Avelino Sala (Spagna), Robert Pettena (Italia), Andrew Rutt (Inghilterra) e Greta Alfaro (Spagna) – artisti della collezione DATABASE, sono lavori nati durante le residenze organizzate da DATABASE a Carrara nel 2012 e 2013 in cui gli artisti ospitati venivano invitati a misurarsi con le peculiarità del territorio apuano.

Il marmo bianco di Carrara per Avelino Sala (Resistencia y ocaso, 2012) rappresenta l’occasione per aprire un confronto tra movimento anarchico, a cui si lega la storia di Carrara, e movimento spagnolo de los indiñados, attraverso il linguaggio espressivo della monumentalità, la scultura in marmo.

Da un non dissimile percorso di ricerca parte anche Robert Pettena. L’artista anglo-italiano esplora i legami tra arte, anarchia ed educazione, organizzando una serie di materiali dell’Archivio Germinal di Carrara relativi al movimento anarchico. Con esiti radicalmente differenti da quelli di Sala, in The Archive (2013, legno, plexiglass e materiale d’archivio) Pettena porta alla luce formati e modalità con cui organizzare la memoria.

Entra ancora più a fondo nella realtà di Carrara il lavoro di Andrew Rutt (Raffaele – due stelle; marmo e canapa, 2012), artista inglese che vive a Roma. Attraverso due altalene, Rutt dà voce a Raffaele, artigiano impiegato presso gli storici studi Nicoli di Carrara. Con la sua opera questo artista, invitato nel 2012 in residenza e selezionato insieme a Robert Pettena e Graham Hudson da Federica Forti e Mike Watson, ha voluto dunque dare voce a chi solitamente esegue progetti altrui, gli artigiani dei laboratori artistici di Carrara.

L’allestimento prosegue con Greta Alfaro (Proiettile, 2013). In linea con la sua ricerca artistica, la Alfaro lavora per assurdo ipotizzando l’esistenza di una setta di adoratori del Dio Marmo che promuove l’eliminazione di tutte le opere d’arte realizzate, violando la sacralità della materia. La punizione da infliggere al mondo consumistico dell’arte si concretizza in un manifesto d’intenti che contempla anche l’autodistruzione ed il suicidio, come immolazione attraverso armi di marmo. Il proiettile in mostra fa parte di questa serie di lavori realizzata dall’artista durante la residenza nel 2013 insieme a Fabrizio Prevedello e Juan Pablo Macías.
Gli artisti di DATABASE saranno affiancati nella Project Room dalle opere di importanti maestri italiani ed internazionali selezionati all’interno delle collezioni del CAMeC.

Ma non finisce qui, in occasione della nuova stagione espositiva al Piano Due del centro spezzino per ‘Ripensare le collezioni: la scultura’ ci saranno, fra gli altri, Jean Dubuffet, Robert Morris, Mario Ceroli e Lucio Fontana e parallelamente, anche quello al Piano Uno, con l’omaggio ad Eliseo Mattiacci, ‘Forme e materiali della scultura’, il dialogo sulla scultura al CAMeC continua fino a gennaio 2015.
Promosso da Comune della Spezia – Sindaco, Massimo Federici; Assessore ai rapporti con l’ ISC, Luca Basile. Prodotto da Istituzione per i Servizi Culturali del Comune della Spezia (Presidente, Roberto Alinghieri – Direttore, Marzia Ratti).

CAMeC – Centro Arte Moderna e Contemporanea, Piazza Battisti, 1 – La Spezia
Orari: da martedì a domenica, 11.00 – 18.00; chiuso il lunedì
tel. + 39 0187 734593 / fax + 39 0187 256773
camec@comune.sp.it
http://camec.spezianet.it

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s